Venerdì 25 Aprile 2014
CONTINENTAL EUROPA
Daily Network
© 2014
CONTINENTAL EUROPA

IAM Cycling, parla il grande capo Thétaz: "Abbiamo un progetto importante"

30.08.2012 09:00 di Luca Capuano  articolo letto 822 volte

C'è grande attesa in Svizzera per la nascita della nuova IAM Cycling, neonata formazione che si pone come obiettivo quello di essere faro del movimento ciclistico elvetico.

A parlare meglio del progetto ci ha pensato, attraverso un'intervista a velonews, il grande capo Michel Thétaz, banchiere di Ginevra con una grande passione per il ciclismo. "Lo spirito della squadra sarà svizzero, ma sarà comunque un team internazionale - ha esordito Thétaz - Abbiamo un programma piuttosto ambizioso, con un roster completo, quattro direttori sportivi e con circa 40 persone che lavoreranno intorno nella squadra. E' un buon progetto, durerà almeno tre anni, ma ovviamente è possibile che continuerà anche oltre".

Il budget, almeno per il primo anno, sarà tra i sei e gli otto milioni, con la speranza di poter essere chiamati a disputare il Tour de France. "Abbiamo dei corridori forti, ma altri sono riluttanti a venire da noi senza la garanzia di andare al Tour". Sulle motivazioni che lo hanno spinto ad entrare nel ciclismo Thétaz è molto sintetico: "Voglio che il nome della mia attività si diffonda in tutta Europa, il ciclismo è un ottimo sport per diffondere il proprio nome, meglio di golf e Formula 1. Inoltre, sono un grande appassionato di ciclismo".

Mentre molti sponsor fuggono dall'ambiente per via degli scandali doping, il progetto IAM si prepara a contrastare in maniera forte questa piaga. "Faremo in modo di avere i migliori controlli e lavoreremo a stretto contatto con l'UCI. Abbiamo una politica rigorosa. Non assumeremo nessuno, corridore o membro dello staff che sia, che ha avuto a che fare con il doping. Lavoreremo con i medici di una clinica di Ginevra per il controllo dei corridori".

Molti corridori di rilievo hanno intanto già firmato con la squadra. Tra loro troviamo gli svizzeri Johann Tschopp (BMC), Marcel Wyss (NetApp) e Martin Elmiger (Ag2r La Mondiale). Sono attesi altri sei o sette corridori, con il sogno che si chiama Fabian Cancellara: "Abbiamo parlato con lui. Se è possibile che arrivi? Noi faremo del nostro meglio".


Altre notizie - Continental Europa
Altre notizie
 

BMC, LA RABBIA DI GILBERT: “SONO RIMASTO IMBOTTIGLIATO, MA STO MOLTO BENE: MI RIFARÒ”

Dopo le sontuose prove precedenti, tutti gli occhi erano puntati su di lui, ma Philippe Gilbert non è andato oltre la ...

GIRO DEL TRENTINO 2014, PRESENTAZIONE TAPPA 3: MORI - RONCONE

Non c'è un attimo di tregua per gli atleti al Giro del Trentino 2014. Dopo l'arrivo in salita di San Giacomo d...

PAGELLE AMSTEL GOLD RACE 2014, TOP GILBERT - FLOP LAMPRE-MERIDA

Philippe Gilbert, 10: Quando sul Cauberg scatta Samuel Sanchez (7 in pagella per lui) per lanciargli la volata, il belga semb...

ALAN MARANGONI'S DIARY - ROUBAIX MY FRIEND, WE HAVE A SCORE TO SETTLE

The sky over Compiegne is grey this morning. I go to the sign-in and find crowds of smiling enthusiasts. They are truly happy...

GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE 2014, LA STARTLIST PROVVISORIA

Nella splendida cornice delle Terme di Caracalla, il Gran Premio della Liberazione è uno degli appuntamenti clou della...

CONOSCIAMO MEGLIO... LUCA CHIRICO

Per la nostra rubrica "Conosciamo meglio..." abbiamo questa sera con noi Luca Chirico. Per il giovane ciclista...

VIDEO: SECONDA TAPPA GIRO DEL TRENTINO 2014

Per coloro che ancora non sapessero il risultato, o semplicemente per coloro che volessero vedere con i propri occhi come son...
   Spazio Ciclismo Norme sulla privacy